CLAUDIA PAJEWSKI

23 giugno > 23 agosto 2020

 
Cosa vuol dire per te abitare uno spazio in un periodo di residenza?

 

Per me significa partire da quello che è lo spazio negativo dell’immagine, prendendo ispirazione dal contesto e dall’ambiente. In altre parole, non solo creare partendo da uno spazio dato —nel mio lavoro sono spesso portata a fare il contrario, creando l’ambiente in base al soggetto— ma anche entrare in relazione con quello che lo spazio ha da offrire, sia in termini materiali che immateriali.

 

Come definisci lo spazio del tuo lavoro e della tua ricerca? Cosa indagherai in questa occasione?
 

Definire il mio lavoro è un esercizio faticoso e innaturale. Mi alleno da anni ad attraversare i generi senza legarmi a una maniera. Mi inserisco diagonalmente, di traverso, queer, anche nelle forme fotografiche. In questa occasione non vorrei quindi indagarne una sola, quanto prendermi cura del mio lavoro accogliendo l’imprevisto.

 

Tre parole per definire cura
 

Rallentare, ammorbidire, stare, accogliere.

 
 


 

Claudia Pajewski (L'Aquila, 1979) è una fotografa professionista specializzata in ritratti, street e fotografia di scena. Collabora tra Roma e Milano con case discografiche, agenzie di comunicazione, aziende ed enti culturali. La sua ricerca visiva si concentra sui temi dell’identità di genere, del teatro contemporaneo e delle trasformazioni urbane. Nel 2017 pubblica il suo primo libro, “Le mani della città”, edito da DRAGO Publisher.

www.instagram.com/claudia_pajewski

www.claudiapajewski.com

Le apparizioni di re – creatures nella Pelanda e negli spazi esterni del Mattatoio delineano, durante l’estate, un percorso in cui le creature animali, in diverse forme, sono protagoniste.

vai al programma

fino al 12 settembre al Padiglione 9b
Prinz Gholam. While Being Other
martedì, mercoledì, giovedì, domenica dalle 11 alle 20
venerdì e sabato dalle ore 11 alle 22
Ingresso libero
 
fino al 22 agosto al Padiglione 9a
World Press Photo Exhibition
martedì, mercoledì, giovedì, domenica dalle 11 alle 20
venerdì e sabato dalle ore 11 alle 22
Biglietto con prenotazione obbligatoria

Info