CRISTINA RIZZO

LABORATORIO

da martedì 11 a domenica 16 giugno 2019

orari 14.30 > 19.00


 

Cristina "Kristal" Rizzo, dance-maker, è attiva sulla scena della danza contemporanea italiana a partire dai primi anni ‘90. Si è formata alla Martha Graham School of Contemporary Dance a New York e ha frequentato gli studi di Merce Cunningham e Trisha Brown.
In Italia ha collaborato con diverse realtà artistiche tra le quali il Teatro Valdoca, Roberto Castello, Stoa/Claudia Castellucci, mk, Virgilio Sieni Danza, Santasangre. Tra i fondatori della compagnia Kinkaleri, dal 2008 ha intrapreso un percorso autonomo di produzione coreografica, indirizzando la propria ricerca verso una riflessione teorica dal forte impatto dinamico, tesa a rigenerare l’atto di creazione stesso e ad aprire riflessioni sul tempo presente.
Attualmente una delle principali realtà coreografiche italiane, è ospitata nei più importanti festival della nuova scena internazionale.
Alla circuitazione degli spettacoli si affianca un’intensa attività di conferenze, laboratori, alta formazione e scrittura teorica.
 
Il workshop “Proprio ciò che un corpo può fare - La danza come ipotesi generativa di una vita in comune” è aperto a tutti, senza distinzione di età, sesso o provenienza. Le giornate di lavoro prevedono una trasmissione intensa di pratiche corporee ed una restituzione finale che affermi un’idea di danza e di performance aperta alla sperimentazione e alla diretta esposizione politica dei corpi. La pratica della danza allena il corpo e la mente a procedere insieme, consentendo così alle posture dei corpi di esprimere intensità, potenza e   presenza.
La danza - come la vita - accade nonostante tutto e a dispetto di tutto, perché è pratica positiva per un presente sostenibile e capace di durata. Meditazione, esercizi di allenamento dinamico, osservazione del tempo e ascolto dello spazio, condivisione di ritmo ed espansione sonora, ascolti di voci su podcast, esercizi di politica corporea per la cura del sé: questi gli elementi di trasmissione per la ricerca di una “coreo-sofia” che amplifichi l’esposizione in un senso potenziante e costruttivo.
 


 

La scadenza del bando è posticipata al 20 maggio, la domanda di partecipazione va presentata quindi non più entro il 13 maggio ma entro il 20 maggio 2019 alle ore 12.00.  
 
Tutti gli interessati dovranno far pervenire 
entro e non oltre le ore 12.00 del 20 maggio 2019 la loro candidatura in un unico pdf non superiore ai 5 Mb all'indirizzo di posta elettronica

inviando la seguente documentazione:

1. Domanda di partecipazione, scaricabile qui sotto (Allegato A) debitamente compilata e sottoscritta in originale dal Candidato;
2. Lettera di motivazione (massimo 500 parole);
3. Curriculum vitae e/o portfolio;
4. Copia di un documento di identità in corso di validità.

L'oggetto dell’e-mail dovrà contenere la dicitura "candidatura - laboratori Pelanda nome e cognome candidato".
Ogni candidatura potrà contenere la richiesta d’iscrizione ad uno o più laboratori, fino ad un massimo di tre laboratori, aperti fino ad un massimo di trenta partecipanti ciascuno (salvo diverse indicazioni date dai docenti).

 


 
 Open Call - Laboratori giugno / luglio 2019
 
 All. A - Domanda di partecipazione Open Call
 

è posticipata al 20 maggio l'Open Call per partecipare al secondo ciclo di workshop, da giugno a luglio, dedicati alla performance negli spazi de La Pelanda.

LEGGI DI PIÙ

Sergio Sarra. Escluse le cose che ho scelto di fare, dall'11 aprile al 17 maggio, dal martedì alla domenica dalle 14 alle 20. Ingresso € 6,00.

LEGGI DI PIÙ

Il Mattatoio si trova a Roma, in Piazza Orazio Giustiniani 4. Scopri come raggiungerci.

MAPPA