LABORATORIO "LO SPAZIO-TEMPO DEL SUONO" | MUTA IMAGO

24 > 29 Marzo 2020
LABORATORIO
Lo spazio-tempo del suono

Programma
Il laboratorio verterà sull’analisi del sempre maggiore sviluppo di pratiche estetiche che mettono al centro della propria indagine il rapporto tra il suono e lo spazio-tempo. All'interno di quella che può essere definita come Sound Installation Art convivono espressioni artistiche multiformi che condividono un fuoco di ricerca principale a partire dal quale esse si strutturano: una riflessione sullo spazio in senso lato (museale, urbano, interiore, geometrico etc.) e sulle modalità in cui questo può interagire con il suono aprendo così possibilità generative di riflessione sul tempo e sulla nostra esperienza di esso.
 
Obiettivi formativi
Il laboratorio indagherà le esperienze dei principali artisti che hanno investigato il rapporto tra suono, spazio e tempo, a partire da John Cage, passando per Janet Cardiff, Pierre Schaeffer, Alvin Lucier, Bruce Nauman, e metterà in campo con gli allievi una dimensione esperienziale di ricerca che muove dalla condivisione di pratiche e processi laboratoriali di indagine sul rapporto tra il suono e la dimensione dello spazio-tempo.

 

Muta Imago è una compagnia teatrale e un progetto di ricerca artistica nato a Roma nel 2006. E’ guidata da Claudia Sorace, regista e Riccardo Fazi, drammaturgo e sound designer. 
È composta da tutte le persone che sono state, sono e saranno coinvolte nella realizzazione dei lavori. 
È alla continua ricerca di forme e storie che mettano in relazione la sfera dell'immaginazione con quella della realtà presente, umana, politica e sociale. Per questo realizza spettacoli e performance dove lo spazio è quello del rapporto e del conflitto tra l'essere umano e il suo tempo.
www.mutaimago.com

Leggi tutte le informazioni relative alle regole generali e alle modalità di svolgimento della visita alla mostra e della partecipazione agli eventi
CLICCA QUI

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti e partecipare alle attività del Mattatoio.

ISCRIVITI